134a Divisione

Se volete un consiglio Iscrivetevi al nostro Forum! Pochi Clik, e potretre condividere anche voi questa bella Esperienza!

Clan XBOX 360 Call of Duty


    Nostradamus, il profeta.

    Condividere
    avatar
    134a Rancore
    Ricognitore Insaziabile
    Ricognitore Insaziabile

    Messaggi : 1283
    Età : 25
    Località : City 17

    Nostradamus, il profeta.

    Messaggio Da 134a Rancore il Sab 9 Gen - 18:18

    Forse vi sarete chiesti perchè creo questa discussione su Nostradamus e perchè proprio nelle discussioni sul Paranormale e leggende..bè..definiamola una leggenda.
    Leggenda non per qualcosa che si pensa che sia esistita o che se ne parla in modo, appunto, leggendario; ma perchè pochi giorni fa mi ha colpito in modo particolare e ho pensato di postare qui una sua discussione perchè penso che l'azione del profeta ha un qualcosa di paranormale.





    ---BIOGRAFIA---

    Posterò la sua biografia, ma la metterò sotto spoiler per evitare uno "spreco" di spazio e dato che volevo incentrarmi di più sulle sue profezie ed il loro contenuto.

    Spoiler:
    Michel de Nostre-Dame nacque nel 1503 a San Remy di Provenza nel sud della Francia. Dalla genealogia incerta, figlio dell'esattore delle tasse Jacques de Nostre-Dame e di Reneé di Saint-Remy, alcuni biografi affermano fosse nipote di un commerciante di cereali ebreo o di un ricco notaio. La famiglia Nostre-Dame era di stirpe ebraica (il nonno di Michel si chiamava Guy Gassonet, sposato con Benastruga), ma le autorità della Provenza fecero pressioni affinché gli ebrei si trasferissero o si convertissero al cattolicesimo: la sua famiglia, pertanto, forse soltanto in apparenza, si convertì e praticò la fede cattolica.

    Da bambino, Nostradamus mostrò attitudine per la matematica e per l'astronomia e l'astrologia. I suoi insegnanti, infatti, furono sconvolti dalle sue difese di Copernico e dell'astronomia astrologica. Studiò medicina all'Università di Montpellier, e terminò gli esami di baccalaureato nel 1525.

    La peste interruppe subito il suo studio, Nostradamus quindi viaggiò attraverso la Francia aiutando la cura della malattia con idee che includevano una dieta migliore più equilibrata, letti puliti, acqua limpida e strade linde.

    Durante i suoi viaggi Nostradamus incontrò e scambiò informazioni con diversi studiosi, grandi menti del Rinascimento (come Giulio cesare Scaligero e Luca Gaurico) che studiavano discipline inconsuete più o meno occulte ed eretiche come l'alchimia, l'astrologia giudiziale, la cabala oltre a leggere e frequentare vari mistici — una pratica che avrebbe continuato per gran parte della sua vita.

    Egli si costruì una solida reputazione come farmacista, avendo creato la "pillola rosa" (che attualmente si pensa contenesse una grande dose di vitamina C) che sembra sia stato un palliativo contro la peste. Nel 1529 ritornò a Montpellier per ricevere il suo dottorato ed insegnare, ma le opinioni conservatrici del mondo accademico lo costrinsero nuovamente ad instaurare un esercizio medico per curare la peste.

    Nel 1534 fu invitato da Julius Caesar Scaliger, considerato una delle somme menti del Rinascimento, per recarsi ad Agen. Lì Nostradamus sposò una donna il cui nome è ancora oggetto di discussione (Madeleyne), dalla quale ebbe due figli. Nel 1537, molto sfortunatamente, la moglie ed i figli morirono, presumibilmente per la peste.

    Dopo la loro scomparsa egli continuò a viaggiare, attraversando Francia ed Italia diverse volte: durante questi viaggi iniziò ad esplorare maggiormente gli insegnamenti mistici, e fu in questo periodo che iniziarono a diffondersi le voci sulle sue capacità profetiche.

    Si stabilì nel 1547 a Salon, dove sposò una ricca vedova di nome Anne Ponsarde Gemelle, e da lei ebbe tre figli e tre figlie. Iniziò ad allontanarsi dalla medicina e ad interessarsi dell'occulto, aprendo allo stesso tempo un'attività di cosmetica. Scrisse un Almanacco nel 1550, e fu così incoraggiato dal successo da decidere di scriverne uno ogni anno. Egli iniziò il suo progetto di scrivere 1000 quartine (poesie di quattro versi), che formano le supposte predizioni per le quali oggi è famoso.

    A causa della sorveglianza e delle pressioni dell'Inquisizione, comunque, escogitò un metodo per oscurare i veri significati utilizzando giochi di parole e diversi linguaggi insieme, come il Provenzale, Greco, Latino, Italiano, Ebreo e Arabo.

    Le quartine, scritte in un libro intitolato "Les Propheties", ricevettero diverse reazioni dopo la pubblicazione. Alcuni pensarono che Nostradamus fosse un servo del diavolo, un impostore, o un pazzo, mentre gran parte dell'elite credeva che le sue quartine fossero profezie ispirate spiritualmente.

    Immediatamente i nobili giunsero da ogni luogo per ricevere da lui oroscopi e consigli. Caterina de Medici, la regina consorte di Enrico II di Francia, fu una delle ammiratrici di Nostradamus: dopo aver letto "Le profezie" lo invitò alla corte reale a Parigi per spiegargli le recentemente pubblicate "Centurie" (e si dice anche le quartine forse riguardanti la prossima morte del marito), e per elaborare oroscopi per i giovani figli della dinastia Valois. Dopo quest'incontro, la regina Caterina divenne una fidata sostenitrice di Nostradamus, e poco prima della sua morte, avvenuta nel 1566, lo nomina consigliere e medico del Re Enrico III Valois.

    Dal 1566 la gotta di Nostradamus, che gli fece patire sofferenze per molti anni e gli rese molto difficili i movimenti, si tramutò in idropisia. Una notte di luglio fece sapere di voler trascorrere l'ultima notte da solo, e quando il suo segretario Chavigny lo congedò con un "Fino a domani, Signore?", Nostradamus le rispose "Non mi troverai vivo all'alba". La mattina successiva Chavigny condusse amici e familiari allo studio (che era stato convertito in una camera da letto) e trovò il corpo di Nostradamus che giaceva sul suolo fra il letto e una panca improvvisata

    Chi ha voluto leggere la sua biografia saprà qualcosa in più su di lui, ma ora concentriamoci sulle sue profezie, ne posterò un tre, e a mano a mano che risponderete, ne aggiungerò altre.

    LA MORTE DI RE ENRICO II

    CI, Q 35 (C= centuria, Q= quartina)
    Il giovane leone il vecchio sormonterà,
    Nel campo bellico in singolar tenzone,
    Nella gabbia d'oro gli occhi perforerà,
    Due ferite in una, poi morire, morte crudele.


    Nel 1559, Re Enrico II si avviò a giostrare in un torneo indetto per celebrare i matrimoni di sua sorella Margherita con il duca di Savoia, e di sua figlia Elisabetta con il re di Spagna. Sia il re Enrico II che il suo giovane opponente, conte di Montgomery avevano leoni a sbalzo incisi sui loro scudi.
    Il torneo finì con un pareggio, quindi il Re insisteva per un ulteriore incontro, che risultò nella rottura e scheggiatura della lancia di Montgomery e nelle perforazione della visiera del Re. Molteplici ferite sulla faccia e la gola portarono ad una terribile agonia durata dieci giorni. Secondo l'interprete inglese Hewitt, nell'utilizzo del verbo "surmonter" (sovrastare) si nasconderebbe un allusione al cognome di Montgomery.
    Questa quartina venne pubblicata nel 1555; quattro anni prima della morte del Re per ferite in torneo; sufficientemente lontano nel futuro per essere considerata profetica, dunque si verificarono nell'arco della vita del veggente, in modo da fornirgli validità ed essere prese seriamente, rendendolo famoso.


    |||NOSTRADAMUS PREDISSE LA VENUTA DI 3 ANTICRISTO|||

    NAPOLEONE BONAPARTE

    C8, Q01
    Pau, Nay ed Oloron più fuoco che sangue sarà,
    Naufraga tra le lodi , fugge ai grandi moti insurrezionali:
    L'entrata agli stallieri rifiuterà,
    Pampon, Durance le terrà asserragliate.

    Pau, Nay ed Oloron sono tre città del sud della Francia, disposte a formare un triangolo. PAU-NAY-LORON: si può anche anagrammare come NAPAULON ROY. Che può essere visto come una storpiatura del nome Napoleone.
    Era un comandante di artiglieria della "Scuola d'Artiglieria Reale", o "Ecole d'Artillierie Royale ", quindi incontriamo il riferimento con la parola fuoco, e non avendo legami di sangue con le famiglie dinastiche, i nostradamisti riconoscono un legame con la parola "sangue".
    Dopo molte battaglie vinte, i soldati del fratello Giuseppe Bonaparte saranno sconfitti per la prima volta dalle truppe anglo-iberiche di sir Arthur Wellesley, I duca di Wellington, che bloccò inizialmente l'avanzata francese in Danimarca e poi successivamente nelle vicinanze della città spagnola di Pamplona, con la Grande Armée in rotta, dopo il disastroso ritorno da Mosca, che era stata data alle fiamme.

    NAPOLEONE BONAPARTE E' CONSIDERATO IL PRIMO ANTICRISTO


    ADOLF HITLER


    C2, Q24
    Bestie feroci per la fame i fiumi guadano,
    La maggior parte della battaglia sarà contro HISTER
    Nella gabbia di ferro il grande sarà trascinato,
    Quando il nulla l'infante di Germania osserverà.


    Il nome HISTER é stato associato con Adolf Hitler, anche se Ister è anche il nome greco del fiume Danubio, in particolare la regione del fiume più vicina a Francia, Belgio e Olanda; ma questo fiume attraversa anche l'Austria, il luogo di nascita di Hitler. Tuttavia considerato che gli affluenti principali del Danubio attraversano 7 nazioni (salgono a 17 considerando anche gli affluenti minori) e attraversa completamente l'Austria, sarebbe più strano se Hitler, essendo austriaco, non fosse nato su un affluente del grande fiume.
    Il grande trascinato in "gabbia di ferro" potrebbe essere Benito Mussolini, catturato a Dongo, nei pressi del lago Maggiore, fucilato dopo un processo sommario e portato poi a Milano, dove verrà appeso ai ganci da macelleria assieme a Claretta Petacci. È interessante notare come nella storia non appaia alcuna gabbia di ferro.
    La 1° linea viene interpretata come riferita alle battaglie combattute lungo i fiumi, specialmente contro orde di russi non ben riforniti di cibo, che si avventarono sui villaggi tedeschi. La 4° linea come l'impiego di giovani ragazzi nella difesa dei confini sul fiume Reno. La variante "rien" (nulla) invece di "Rin" potrebbe sottolineare la vacuità dell'ideologia nazista, oppure la lunga attesa per il nemico americano dopo l'invasione della Normandia, oppure il totale annientamento di molte città tedesche.



    ADOLF HITLER E' CONSIDERATO IL SECONDO ANTICRISTO


    IL TERZO ANTICRISTO E' VISTO COME IL PIU' SANGUINARIO E DISTRUTTIVO DEL PRECEDENTE, OLTRE CHE AD ESSERE L'ULTIMO...MA VEDREMO BENE UNA PARTE DEL RESTO LA PROSSIMA VOLTA...intanto fate pure le domande!


    -----------------------------------------------------------------

    Le mille indegnità della natura scivolano su di lui,
    disdegnando la fortuna e brandendo il ferro sanguinante di fumosa strage.

    [Citando William Shakespeare, Macbeth]

    Beviamoci su va là Ubriachezza

    avatar
    134a Vendetta
    Colui Che Amministra
    Colui Che Amministra

    Messaggi : 1451
    Età : 25
    Località : Besnate

    Re: Nostradamus, il profeta.

    Messaggio Da 134a Vendetta il Dom 17 Gen - 4:53

    Bhe che dire... Nostradamus è sempre stato un grande profeta per noi Italiani...

    Abbiamo creduto a molte delle sue profezie che alla fine si sono rivelate veritiere-....

    Addirittura anche lui come i MAYA, i Mussulmani e gli EGIZI ha predetto uno sfogo del sole durante il periodo del 2012!!!

    Su una cosa però mi ha fatto pensare....

    Alle volte Nostradamus predige la fine del mondo in una data, mah ne predige un'altra in un'altra data ancora, magari successiva ( Esempio : ha predetto che nel 2000 il mondo doveva finire mah ha anche predetto che nel 2012 avverrà una catastrofe che provocherà la fine del mondo ) Incompatibili tra loro !

    I Casi sono due :

    O Dice Baggianate oppure non siamo stati in grado di decifrare le profezie in modo corretto !!!

    Tu che ne pensi ??


    -----------------------------------------------------------------

    Il Colibrì non è un uccello come tutti gli altri...
    ha un ritmo cardiaco di 1200 battiti al minuto.
    Le sue ali sbattono 80 volte al secondo.
    Se gli impedisci di sbattere le ali... lui muore.
    Questo non è un'uccello.
    E' una specie di miracolo.

    Le punte delle sue ali formano un 8...
    E che cosa rappresenta l' 8 come simbolo matematico?
    L'INFINITO!!!

    avatar
    mers
    Mod. Redazione
    Mod. Redazione

    Messaggi : 205
    Età : 30
    Località : bergamo

    Re: Nostradamus, il profeta.

    Messaggio Da mers il Dom 17 Gen - 16:10

    io penso che nessuno possa predire il futuro..
    avatar
    134a Rancore
    Ricognitore Insaziabile
    Ricognitore Insaziabile

    Messaggi : 1283
    Età : 25
    Località : City 17

    Re: Nostradamus, il profeta.

    Messaggio Da 134a Rancore il Dom 17 Gen - 19:39

    Bè è vero che molte previsioni non le ha azzeccate, ma è anche vero che vanno praticamente decifrate. può essere successo che si siano interpretate male e quindi si pensi qualcosa di diverso da lui detto, ma rimane comunque affascinante come lui abbia avuto queste previsione riguardanti fatti accaduti realmente tempo dopo.

    Vi aggiungo ora altre profezie seguite da una mana interpretazione..

    L'attacco alle Torri Gemelle dell'11 settembre 2001 C6, Q97
    Cinque e quaranta gradi il cielo brucerà,
    Fuoco si avvicina alla grande città nuova:
    In un istante una grande fiamma sparsa salterà,
    Quando si vorrà far prova dei Normanni.

    Dopo che gli eventi degli 11 settembre 2001 ebbero luogo, molti nostradamiani
    ricordarono questa quartina. I sostenitori dichiarano che la latitudine
    di "cinque e quaranta" e la grande "città nuova"
    si possano applicare a New York.

    I critici segnalano come Nostradamus abbia sbagliato la latitudine,
    perché New York si trova molto sotto il 41° parallelo. In
    verità, in Nostradamus niente è lasciato al caso. Egli
    infatti non indica 45, ma 5 e 40. Cioè 40° e 5'. Che è
    la latitudine esatta di New York. Per gli scettici, la parola "cité
    neuve", città nuova, è il nome di una città
    francese che per coincidenza si trova a 45° di latitudine. Bisogna
    aggiungere che la parola "cité neuve", viene spesso
    riferita da Nostradamus ad una città il cui nome significa letteralmente
    ciò (per esempio Villanuova o Napoli, dal greco antico Neapolis,
    ovvero città nuova).

    "Far prova dei Normanni" viene interpretato in molti modi;
    "Normanni" si può applicare ai residenti di Nord America,
    Inghilterra, o Francia. Alcuni sostengono che bisogna guardare a Palermo,
    in Sicilia, dove proprio nel 2001 si eseguirono dei test sul DNA dei
    Re Svevi e normanni lì sepolti. La quartina è comunque
    famosa per essere stata citata nel film documentario Nostradamus: The
    Man Who Saw Tomorrow. Risalente al 1981, il film ipotizza un possibile
    attacco a New York verso la fine o l'inizio del nuovo millennio, citando
    come fonte questa famosissima quartina. Inquietante attestare che a
    venti anni di distanza, l'evento si sia effettivamente verificato.


    Lo tsunami nell'Oceano Indiano del 2004 C9, Q55
    L'orribile guerra che nell'Occidente si prepara,
    L'anno seguente verrà la pestilenza
    Così orribile, che nè giovane, nè vecchio, nè
    bestia (sopravviverà)
    Sangue, fuoco, Mercurio, Marte, Giove in Francia

    Se "l'orribile guerra" designa la Guerra in Iraq cominciata
    nel 2003, questa quartina potrebbe riferirsi al terremoto sottomarino
    del 2004 nell'Oceano Indiano ed al conseguente tsunami devastante che
    causò; comunque gli scettici a ragione segnalano che sia il terremoto
    che lo tsunami non possono considerarsi pestilenze ma al massimo provocarle.
    Inoltre l'Iraq si trova ad oriente, non ad occidente, soprattutto dal
    punto di vista di Nostradamus.

    La distruzione dei sistemi di smaltimento delle acque nere ed il danno
    ad ospedali, farmacie e dispensari potrebbe condurre a epidemie nelle
    aree colpite; ma questo è mai accaduto in Francia. Inoltre, molti
    pochi animali morirono a causa dello tsunami, il tutto rende ancora
    più dubbia l'interpretazione di questa quartina.

    Piuttosto si potrebbe applicare ad un futuribile attacco contro il
    reattore nucleare iraniano, che scatenerebbe una lunga e cruenta guerra
    aeronavale, con la possibilità di una risoluzione catastrofica
    del conflitto come "Ipotesi Gedeone", una guerra condotta
    da una parte (Iran, Siria ?) con missili chimici e batteriologici (Antrace
    = Carbonchio= Escarboucle) e dall'altra parte con bombardieri invisibili
    ai radar "stealth+" (USA ed Israele) armati molto spesso anche
    con armi nucleari, tattiche di bassa potenza ad esplosione sotterranea.

    Un'altra possibilità potrebbe essere il definitivo scatenarsi
    dell'epidemia di influenza aviaria nel 2006-2007-2008, che già
    colpisce i volatili, e che finirebbe per colpire i mammiferi e l'uomo.
    Anche in questo caso si può osservare che epidemie di questo
    tipo, dette pandemie, si ripetono periodicamente a distanza di circa
    40 anni, e sono molto frequenti dopo ogni guerra. Questo fatto era sicuramente
    noto a Nostradamus che praticò la medicina e la farmacia proprio
    durante una pestilenza in Francia.


    -----------------------------------------------------------------

    Le mille indegnità della natura scivolano su di lui,
    disdegnando la fortuna e brandendo il ferro sanguinante di fumosa strage.

    [Citando William Shakespeare, Macbeth]

    Beviamoci su va là Ubriachezza


    Contenuto sponsorizzato

    Re: Nostradamus, il profeta.

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato

      Argomenti simili

      -

      La data/ora di oggi è Sab 23 Set - 8:31